Leone Di Lernia

Cantautore trash-demenziale

Leone Di Lernia (Trani, 18 aprile 1938 – Milano, 28 febbraio 2017) è stato un conduttore radiofonico, cantautore del genere trash-demenziale.

 

BIOGRAFIA

Di Lernia è stato un conduttore radiofonico, cantautore del genere trash-demenziale italiano. Ha raggiunto la popolarità a inizio anni novanta grazie a delle cover parodistiche e goliardiche e spesso scurrili di brani di musica dance. È stato per quasi dieci anni (dal 1999 al 2008 e di nuovo, anche se parzialmente, nel 2011) spalla comica del programma radiofonico Lo Zoo di 105.

 

DISCOGRAFIA

Singoli/45 giri

  • 1968 – Trenta chili/Andiamo nei cieli (L.O.N.G.I.N.I.) (7″)
  • 1975 – Gaccia ad’avè/Spusatil Geuvè (Alpha Record, AR 8016) (7″)
  • 1977 – Gaccia a te Marì/U fesse ‘nnamerate (Carosello, CI 20464) (7″)
  • 1979 – Sfregamece/Vieni fuori (Carosello, CI 20479) (7″)
  • 1983 – Padron pensaci tu/Spremi spremi (Six Records, SNP 003) (7″)
  • 1989 – Ce cule ca tiene (Rap italiano)/Ce cule ca tiene (Rap pugliese) (Rolls Record, RLS 1914) (7″)
  • 1991 – Ra ra ri- la la la pesce fritto e baccalà/Barhouse (Meet Records, MEET 521) (12″)
  • 1991 – Lasciame ste’ (How gee)/Tu sì scemo (Meet Records, MEET 611) (12″)
  • 1992 – La fatica non m’ingozza (Club mix)/La fatica non m’ingozza (Radio edit) (Meet Records, MEET 711) (12″)
  • 1992 – Tu sì pazze (Rhythm is a dancer)/Chi ruba (Sex machine) (Meet Records, MEET 801) (12″)
  • 1993 – Disco Hauz (Meet Records, MEET 1051) (12″)
  • 1994 – Saludm a Sord/Voglio fare tanti soldi (Meet Records, MEET 1164) (12″)
  • 1995 – Think about the way (Pippo Baudo )/La Puglia Blues (Dig-It, DMX 10226) (lato B eseguito dai Fausto Terenzi Show)
  • 1997 – Cio’los…Tress (Meet Records, MEET 1521) (12″)

Album (LP 33 Giri – Musicassette – CD)
Come Leone Di Lernia e la sua New Rock Band

  • Leone Di Lernia e la sua new rock band – Canzoni rock tranesi, Alpha Record (1975)
  • Leone Di Lernia e la sua new rock band (Ed. Alpha Record, 1976)
  • Leone Di Lernia e la sua new rock band (Ed. Carosello, 1977)

Come Leone Di Lernia

  • La pugliata (1979)
  • MotorLover – Il rock del re delle Puglie (raccolta, 1980)
  • Padron pensaci tu, Duck records (1983)
  • Disco (1984)
  • Americanpuglia (1984)
  • Compilation – I successi di Leone Di Lernia (raccolta, 1984)
  • Barhouse Music (1990)
  • Barhouse Music 2 (1991)
  • Gran Barhouse – Il meglio di… Leone Di Lernia (raccolta, 1991)
  • Leone Super Dance (1992)
  • Disco Hauz (1993)
  • Il (meglio) peggio di Leone Di Lernia (raccolta, 1993)
  • Leonemania (1994)
  • Salutm’ a Sord (1994)
  • Leonlatino (1996)
  • SuperLeone – Cio’…Los…Tress (1997)
  • Fesso… e tutto il resto (1997)
  • Re Leone Di Lernia (1998)
  • Leonestate (1998)
  • Leone superstar – I grandi successi di Leone di Lernia (raccolta, 1999)
  • Giubileone (2000)
  • Leone 2000 (2000)
  • Il Gran Porcello (2001)
  • Zizzaniaman (2002)
  • Porcello 2 – Il ritorno (2002)
  • Zizzaniaman 2 + Il meglio dello zoo di 105 (2003)
  • The Best of the Bestia – Trash compilation (raccolta, 2004)
  • Un Leone su Marte (2004)
  • Sfigato (2004)
  • Leone d’oro – Il peggio di Leone Di Lernia (raccolta, 2005)
  • Casa Di Lernia (2006)
  • Ma che figo sono con Auz Triccaballac (2006)
  • L’isola dei leoni (raccolta, 2006)
  • Squich (2007)
  • Si nu baccalà (2007)
  • Leone Best 2008 (raccolta, 2008)
  • Leone Di Lernia contro tutti (2009)
  • Fuori o dentro lo zoo? (2 CD inediti + raccolta) (2010)
  • Il presidente querela forte (2011)
  • Eccitato (2012)
  • Capra (2013)
  • Tutto Leone Di Lernia: 40 successi (2013)
  • Perché son gay (2014)
  • EXPO (2015)
  • Parmigiano foggiano (2016)

 

 

Articoli Correlati

Giorgio Cerquetti

Filosofo, scrittore e divulgatore

Enrico Ameri

Radiocronista

Arnoldo Foà

Attore, doppiatore, regista, scrittore

Enrico Zampi

Musicista, editore e autore radiofonico

n.b. : questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.
http://www.archivioflaviobeninati.com